Attendere prego...

Cerca nell'archivio storico

Archivio storico


Gli studenti di Lettere e Scienze Politiche potranno acquisire 4 crediti

Laboratorio di Bioetica per sensibilizzare alla donazione degli organi

 News pubblicata il 16/02/2007
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Parte il 26 marzo presso la Cappella Pappacoda, il primo Laboratorio di bioetica organizzato dalla prof.ssa Rossella Bonito Oliva, docente di Filosofia Morale a Lettere de L’Orientale, e dal dott. Fulvio Calise, dirigente del Centro di biotecnologie del Cardarelli.
Il Laboratorio “nasce con l’intento di allargare l’informazione sulla donazione degli organi - spiega Viola Carofalo, collaboratrice scientifica della prof.ssa Bonito Oliva- portandola all’interno dell’università”. E’ aperto a tutti gli studenti delle Facoltà di Lettere e Scienze Politiche –per i quali è prevista l’attribuzione di 4 crediti- ed accoglie tutti gli universitari interessati al progetto. Si articola in 15 ore, distribuite in cinque lezioni (26 e 29 marzo, 16 aprile, 7 e 12 maggio), con un colloquio finale. “Gli studenti possono partecipare senza doversi prenotare- spiega la dott.ssa Carofalo- perché il corso è a numero aperto. Alla fine dei lavori, ognuno dei partecipanti dovrà discutere su una delle cinque giornate d’incontro. Sicuramente il sistema dei crediti da spendere nel curriculum è un incentivo per molti”. Ma non sarà solo questo a spingere gli studenti a scegliere un corso di attività elettiva che si occupa di una tematica importante ed attuale, esaminandola in tutti i suoi aspetti. “E’ la prima volta che l’Orientale e quindi delle Facoltà umanistiche- racconta Carofalo- mettono in piedi un progetto del genere”. Sono, infatti, di diversa estrazione i docenti che parteciperanno: le lezioni saranno tenute da medici specializzati nel campo dei trapianti e delle rianimazioni, da neurologi, medici legali, ma anche da giuristi, studiosi di religione o psicologi. Inoltre è prevista la proiezione della fiction didattica La morte non esiste e di un fotoromanzo pubblicato da Il Mattino.
“Ogni lezione avrà un taglio diverso - spiega  la dott.ssa Carofalo- Poiché il progetto è nato in seno alle Facoltà di Lettere e Scienze Politiche, l’aspetto etico sarà quello su cui si punterà maggiormente, ma lo scopo del laboratorio è quello di dare un’informazione a 360 gradi sulla questione trapianti. Quindi alcuni incontri punteranno sull’aspetto medico e tecnico, altre su quello giuridico ed altre su quello religioso”.
Per informazioni: violacarofalo@libero.it


Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!