Attendere prego...

Cerca nell'archivio storico

Archivio storico


Titolo uno e quadruplo, i percorsi di Biotecnologie per la salute

Scelte e bilanci per gli studenti del secondo anno. Il percorso medico è il più gettonato. Biologia l'esame arretrato di molti

 News pubblicata il 20/10/2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Medico, Farmaceutico, Alimentare o Veterinario? Quattro opzioni, un curriculum da scegliere. È lo step che attende gli studenti del secondo anno del Corso di Laurea Triennale in Biotecnologie per la salute, chiamati a dare al proprio cammino un’impronta specifica. “Il piano di studi è uguale per tutti al primo anno. Nel secondo è previsto un primo semestre comune, poi, a cavallo tra secondo e terzo, c’è questa parte nella quale cominciate a meglio caratterizzare il percorso”. Così il prof. Giovanni Paolella, Coordinatore del Corso, ha dato il via all’incontro che, il 26 novembre, ha riunito nell’aula 1.2 dell’edificio di via De Amicis più di cento studenti. Premessa: “scegliere un curriculum non significa conseguire un titolo diverso, resta sempre una laurea in Biotecnologie per la salute”. Insomma, cambiano le sfumature, ma la protagonista resta sempre lei, la salute: “noi studiamo come funzionano le cellule, le molecole, le strutture biologiche e gli organismi, cercando di interferire in maniera favorevole per trarre aspetti positivi per la salute umana e animale”. Quindi “in questa logica, l’idea è che alcune aree di applicazione più specifiche possano essere messe meglio in evidenza”. Sfruttando anche gli “esami opzionali che permettono di personalizzare ancora di più la vostra scelta”. Due gli esami, entrambi da dieci crediti e divisi in due moduli, che caratterizzano il curriculum medico. Si tratta di Diagnostica Biotecnologica Integrata e di Genetica Medica e Microbiologia Clinica. Potrebbero essere questi i primi passi verso la Magistrale in Biotecnologie Mediche, presentata dal suo Coordinatore, il prof. Stefano Bonatti: “è un Corso che al forte contenuto culturale affianca un’attività di laboratorio che deve durare almeno un anno”. Con una novità, partita quest’anno: “il canale in inglese. Attualmente conta una ventina di iscritti. È molto probabile che anche voi possiate scegliere questa opzione, perché dubito che l’esperimento appena avviato fallisca”. Ha come sbocco più logico la Magistrale in Biotecnologie del Farmaco il curriculum farmaceutico, raccontato dal Coordinatore del Corso biennale, il prof. Gennaro Piccialli: “permette di studiare cosa sono i farmaci, come si costruiscono e quali leggi ruotano intorno a esso”. Concetti che “si approfondiscono alla Magistrale. L’anno scorso contava 25 iscritti, oggi ce ne sono dieci in più e molti provengono anche da Triennali diverse da questa”. Con un aforisma del filosofo Ludwig Feuerbach, “noi siamo ciò che mangiamo”, la docente di Genetica agraria Rosa Rao ha dato il via alla presentazione del curriculum alimentare, il cui obiettivo è “l’introduzione del sistema pianta che trattiamo a livello genetico, genomico e biotecnologico”. Spazio anche per la Magistrale in Biotecnologie Agro-ambientali e alimentari che “prevede 28 crediti per la prova finale, alla quale bisogna dedicarsi per almeno 18 mesi, di cui 12 da spendere in laboratorio” e che “consente l’iscrizione all’Albo dei biologi e a quello degli agronomi”. A completare il quadro, il curriculum veterinario, affidato alla relazione della prof.ssa Alessandra Pelagalli, docente di Fisiologia veterinaria. Perché scegliere questo percorso? “Per conoscere e sviluppare metodi e pratiche che utilizzano le biotecnologie per il miglioramento del benessere animale e della salute umana”. Un titolo che offre “opportunità diverse. Tra i nostri laureati c’è chi oggi è ricercatore al Policlinico, chi al CEINGE e chi, ancora, in altri centri di ricerca”. La palla, adesso, passa agli studenti. Di certo c’è chi ha già le idee chiare, come Maria Vittoria: “ho scelto il curriculum medico perché mi interessano di più gli sbocchi che offre nell’ambito della ricerca. Anche alla Magistrale vorrei iscrivermi a Biotecnologie Mediche, magari in inglese”. Sul percorso seguito finora: “del primo anno ho rimandato e superato a settembre l’esame di Biologia. Adesso mi manca Genetica. In generale i professori sono molto disponibili. Se segui, gli esami li superi, anche se serve tanto studio”. Lo conferma Serena: “i corsi sono fondamentali. Mi sono trovata benissimo già dal primo anno. Purtroppo non ho sostenuto gli esami del secondo semestre perché, in quel periodo, studiavo per i test di Medicina. A parte questo, non ho incontrato tante difficoltà”. Mentre lei ha “già scelto il curriculum medico”, conserva ancora qualche dubbio la sua collega Flavia: “sono in dubbio tra medico e farmaceutico”. Sull’anno da matricola: “è andato bene, mi è piaciuto. Gli esami che ancora non ho sostenuto sono Matematica e Biologia”. Sembra quasi di sentire Laura: “sono indecisa tra percorso medico e farmaceutico. Quest’ultimo perché mi interesserebbe capire il meccanismo di reazione del farmaco. Il primo, invece, mi intriga sotto l’aspetto genetico”. Uno lo scoglio che le resta alle spalle: “mi manca solo l’esame di Biologia cellulare. Pensavo avessero organizzato un corso supplementare tenuto dai tutor, ma non è così. Dovrò studiarlo da sola. Il bilancio, in generale, è positivo, il corso mi piace”. Stesso discorso per Walter Alotti: “sono indeciso tra farmaceutico e medico. La chimica mi piace molto, però sono più orientato verso gli studi di genetica. Credo che sceglierò valutando pure i piani di studio delle Magistrali”. Per lo studente: “il primo anno è andato piuttosto bene. Sono riuscito a superare tutti gli esami, eccetto uno, quello di Biologia. Il Corso mi è piaciuto tanto e mi ha appassionato, l’unica pecca, forse, è che al primo anno, essendoci più di trecento iscritti, non ci è stato dato molto spazio nei laboratori. Ma adesso le cose pare che debbano cambiare”. Manca l’esame di Biologia anche a Fulvio Maisto, altro indeciso: “mi interessa particolarmente il percorso medico, ma, dopo oggi, pure quello veterinario mi ha incuriosito”. Ancora più ampi i dubbi di Chiara: “tranne quello alimentare mi piacciono tutti. Devo ancora decidere”. Il suo primo anno “è andato bene. Mi manca solo Biologia. Penso che il programma sia molto grande, richiede una notevole mole di studio”. Un bel ricordo: “Chimica organica è stato un esame bellissimo”. Prosegue tra altri pro e contro: “la struttura è fantastica. Un problema è rappresentato dalle poche date d’esame”.
Ciro Baldini


Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!