Attendere prego...

Cerca nell'archivio storico

Archivio storico


La parola al ProRettore Maria Galante

Un fondo di solidarietà per chi proviene da famiglie meno abbienti

 News pubblicata il 16/09/2011
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Coniugare la propria formazione con una serie di servizi ricreativi. Nel campus di Salerno si può. “I nostri studenti hanno modo di vivere in comunità – afferma la prof.ssa Maria Galante, Pro-Rettore e docente di Lettere – usufruendo di molteplici servizi”. Tra gli ultimi incentivi, in ordine di tempo, “un fondo di solidarietà con gli enti locali, avviato in questo periodo, per aiutare gli studenti che provengono da famiglie meno abbienti, nonostante le tasse dell’Ateneo siano tra le più basse”. Da parte loro, i ragazzi “devono avere le idee chiare e prefiggersi l’obiettivo di terminare gli studi presto e bene”. “E’ necessario – continua la Galante – entrare nei ritmi dell’università, organizzandosi nel miglior modo possibile tra studio individuale e lezioni in aula”. Intanto, in visione di quanto predisposto dalla legge Gelmini, continuano le assemblee mensili aperte a tutti per la definizione del nuovo Statuto. “I lavori saranno conclusi tra settembre e ottobre – dice la Galante – In ogni caso, l’offerta formativa rimarrà invariata, anche se ci avviamo verso una collaborazione a livello regionale (corsi interuniversitari o interfacoltà) al fine di razionalizzare l’offerta e incentivare la mobilità dei docenti, come sta già accadendo per le Facoltà campane di Medicina, le quali stanno stringendo un accordo di programma per una futura collaborazione”. Le prospettive occupazionali: “nel futuro la situazione cambierà in meglio, quindi è bene che i ragazzi seguano le proprie inclinazioni e si impegnino al massimo in un percorso di studi che non può avere tempi infiniti”.


Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!