Attendere prego...

News Federico II


Incontro sulle opportunità di lavoro all'epoca del Covid al Demi

"È un mare in tempesta che stiamo attraversando insieme"

 News pubblicata il 12/06/2020
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Opportunità professionali, nuovi modi di lavorare ma anche di reclutare e profili emergenti. È stata una panoramica ampia e completa “Le opportunità di lavoro all’epoca del Covid-19”, il workshop di orientamento formativo che il Dipartimento di Economia, Management, Istituzioni (DEMI) ha organizzato, il 29 maggio, nell’ambito delle attività del JobDayDEMI, per i suoi studenti e neolaureati in Economia Aziendale e Innovation and International Management. In tutto 9 le aziende che hanno animato, sulla piattaforma Teams, questo webinar che è stato un momento di preparazione e formazione in attesa del Job Day DEMI, l’evento che crea un ponte tra laureandi e laureati del Dipartimento e il mondo del lavoro. Arrivato alla sua quinta edizione, avrebbe dovuto tenersi a maggio, ma non si è svolto a causa dell’emergenza sanitaria. Le aziende intervenute al workshop hanno parlato del futuro in termini positivi, si sono presentate, hanno raccontato la loro storia, i valori, la mission che le guida e hanno messo in luce in che modo si stiano reinventando, valorizzando la tecnologia e trasformando la complessità di questo difficile momento in un’opportunità per alimentare nuovi processi di creatività e di innovazione.
Ad aprire il tavolo di lavoro sono i saluti della prof.ssa Adele Caldarelli,  Direttore del DEMI. “Ci troviamo di fronte ad una crisi epocale – dice – Auspichiamo il ritorno alla normalità, ma forse non sarà la normalità a cui siamo abituati. Alcuni dicono che ci troviamo in guerra, ma io non sono d’accordo perché, in questo caso, abbiamo tutti un unico nemico e siamo uniti nel volerlo sconfiggere”. La docente descrive la situazione impiegando una metafora ripresa più volte anche dagli ospiti: “Questo momento è un mare in tempesta che stiamo attraversando insieme e dobbiamo far sì che chi non ha una barca adeguata possa essere supportato. Lancio un appello agli studenti, il futuro è nelle loro mani. I venticinquenni che noi supportiamo e formiamo sono la classe dirigente del futuro e non possiamo aspettare che la tempesta passi perché siano attrezzati. Dobbiamo farlo adesso. Essere disorientati è legittimo, ma bisogna ripartire con la stessa forza e determinazione di prima”. Una ripresa è possibile e vede insieme “l’università, le aziende e, ci auguriamo, gli studenti con la loro volontà e preparazione. La pandemia ha fatto cambiare i modelli di business e ha fatto sì che ci fosse necessità di nuovi profili e i ragazzi devono essere preparati”. Sulla stessa lunghezza d’onda il prof. Roberto Vona, Delegato DEMI per il JobDay: “Ci siamo chiesti se fosse il caso di ‘disturbare’ le aziende in un momento così delicato in cui stanno rimettendo in sesto la macchina e trovando nuovi equilibri. Alla fine ha prevalso il nostro senso del dovere: siamo professori e ricercatori e abbiamo l’obbligo di indirizzare al meglio i ragazzi verso il mondo del lavoro”. L’iniziativa “a cui tutti state partecipando, naturalmente, non vuole sostituire il Job Day. Noi speriamo di poter organizzare un evento completo ad ottobre, se sarà fisico o telematico lo vedremo. La presenza delle aziende qui oggi ha un valore tecnico e simbolico perché dimostra la loro vicinanza ai nostri giovani. Sappiamo che hanno sempre apprezzato il valore dei nostri ragazzi e continueranno a farlo”. La parola passa quindi ai rappresentanti delle imprese con interventi su un doppio binario: presentazione della loro realtà aziendale e un commento più ampio sul mondo del lavoro con alcuni consigli per gli studenti.
In chiusura i saluti dei professori Caldarelli e Vona che girano qualche domanda arrivata in chat da parte di studenti che chiedono alcune informazioni in merito alle posizioni disponibili e a come poter sviluppare la propria carriera. Da parte dei relatori, l’invito a visionare i loro siti web e coltivare hard e soft skills spiegando che stage e tirocini, interrotti a causa dell’emergenza, potranno presto ricominciare.
 
Scarica gratis il nuovo numero di Ateneapoli su www.ateneapoli.it



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!