Attendere prego...

News Federico II


Erasmus Federico II e Witwatersrand Medical School

Dottorande in Sudafrica

Silvia Nuzzo e Alessandra Affinito le prime a partire. Sono tornate a settembre. La Federico II adesso ospita una studentessa. A inizio dicembre dovrebbe arrivare in via De Amicis il primo docente dall'Africa

 News pubblicata il 28/11/2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Witwatersrand Medical School, Johannesburg, Sudafrica. Sono andate lì per tre mesi, da luglio a settembre di quest’anno, Silvia Nuzzo e Alessandra Affinito, dottorande in Medicina molecolare e Biotecnologie mediche alla Federico II. Frutto di un accordo Erasmus tra i due Atenei che prevede il percorso inverso per tre studenti stranieri e altrettanti docenti. Laureata in Farmacia, Alessandra a 29 anni ha vissuto il suo primo viaggio studio: “avevo voglia di vivere un’esperienza all’estero. Di certo non sono mancati i dubbi, visto che il Sudafrica non è dietro l’angolo. Sono diciassette ore di viaggio, con scalo a Dubai. Ho voluto comunque affrontarlo e sono contenta. La meta è insolita e probabilmente senza l’Erasmus non ci sarei mai andata”. Per un periodo ha abbandonato i suoi studi sulle terapie per glioblastoma per studiare nei laboratori ospitanti “nuovi approcci all’epatite B. Ho imparato nuove tecniche che sicuramente arricchiscono il mio curriculum”. Di fronte, una medaglia a due facce: “Johannesburg è una città particolare. Ha lati negativi, tipo il filo spinato sulle case o il cartello esposto fuori l’Università che vieta l’ingresso con le armi, esplicitando un fatto che a noi sembra ovvio”. Dall’altro lato, però, ha trovato “una convivenza pacifica e il rispetto tra culture e religioni diverse. Lì esistono undici lingue ufficiali”. Ha conosciuto “flora e fauna di ogni genere” e cibi mai assaggiati prima: “facevano molte braci. Ho provato la carne di coccodrillo, che non ho preferito perché sembra pollo, l’antilope e altra cacciagione”. Nessun problema con il portafogli: “abbiamo percepito ottocento euro circa per il volo e seicento per stare lì. Basta poco per vivere da nababbi. Una cena in un ristorante di lusso costa una ventina di euro. Con la stessa cifra mi sono anche iscritta in una palestra fantastica”. Sedotta dal fascino del posto e del popolo: “sono degli artisti. Fanno dei mercatini stupendi in cui...
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dal 24 novembre (n. 19/2017)
o in versione digitale all'indirizzo: http://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!