Attendere prego...

News Federico II


La dott.ssa Trulli di Unilever, laureata in Tecnologie Alimentari nel '93, ha chiuso il ciclo di incontri ideato dalla prof.ssa Romano. Problemi tecnici in aula 10: al seminario sull'ice cream non ha funzionato il gelato!

Ghiaccio, aria, grassi e matrice: i segreti del gelato industriale

 News pubblicata il 08/06/2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA
È senza dubbio uno dei prodotti più consumati e amati dell’estate. È il gelato industriale, amico di passeggiate in riva al mare, compagno di spuntini o post cena. Chi non ha familiarità con nomi come Cornetto, Magnum, Carte d’Or o, in generale, Algida? Peccati di gola confezionati composti per l’ottanta percento di ghiaccio e aria. A fare il resto sono grassi e matrice, ovvero l’insieme di zuccheri, emulsionanti e stabilizzanti. Alla scoperta di processi produttivi, operazioni di marketing e ingredienti alla base del gelato, i ragazzi del corso di Processi dell’Industria alimentare, al terzo anno di Tecnologie Alimentari (TAL), si sono confrontati con la dott.ssa Cristina Trulli, Senior Ice Cream di Unilever, azienda impegnata in food, igiene e cura della persona, tra i primi laureati federiciani in Tecnologie alimentari. Nel ‘93 la corona d’alloro: “mi fa piacere tornare qui, innanzitutto perché la Federico II è stata la mia Università e poi è bello confrontarsi con ragazzi interessati e intelligenti. Ai miei tempi in aula eravamo in venti, adesso il numero è cresciuto”. Fino a superare abbondantemente la soglia dei cento che, il 22 maggio, hanno riempito l’aula dieci del Dipartimento di Agraria a Portici, partecipando al seminario dal titolo “Il processo di produzione del gelato industriale”. Qualche disagio tecnico - il microfono era inservibile e il pc ha richiesto tempi di riavvio più lunghi del previsto - non ha limitato l’incontro, caratterizzato da una parentesi sui cambiamenti del prodotto protagonista di giornata: “l’innovazione parte dal marketing”, ha commentato la relatrice, che ha spiegato: “in base ai bisogni del consumatore ci viene chiesto di fare qualcosa in particolare”. In sintesi, il mercato chiede e l’industria risponde con prodotti al passo con i tempi come “il Cornetto vegano o il Carte d’Or con il latte Zymil, senza lattosio”. Logiche di mercato alla base anche di una riduzione...
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dal 2 giugno (n. 9/2017)
o in versione digitale all'indirizzo: http://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!