Attendere prego...

News Federico II


Il Dipartimento di Giurisprudenza accoglie le matricole

Il prof. Staiano ai neo iscritti: "siate responsabili e rigorosi"

 News pubblicata il 29/10/2020
© RIPRODUZIONE RISERVATA
“C’è un’atmosfera particolare quest’anno con la modalità mista, una situazione nella quale è maturata una coesione fra i presenti e chi è in piattaforma. Registriamo un notevole incremento degli immatricolati nonostante il difficile contesto lasciasse prevedere una flessione degli iscritti”. C’è una nota di ottimismo nel saluto alle matricole (in presenza e in remoto) del Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza Sandro Staiano in apertura  dell’incontro che si è tenuto il 14 ottobre in Aula Coviello. Ha poi illustrato ai neoiscritti e agli indecisi la “riforma dell’offerta formativa con il Corso di Laurea Triennale, la riorganizzazione dei percorsi per la Magistrale e l’indirizzo che conduce al doppio titolo di laurea in Economia e Giurisprudenza con 6 anni di studio. Il contesto cooperativo in cui abbiamo lavorato ci ha aiutato. L’Ateneo ci ha incoraggiato a proseguire, importante è stato anche il contributo della componente studentesca”. Nonostante l’innovazione, Giurisprudenza resta ancorata ai suoi rigorosi principi: “Agli studenti chiediamo impegno e serietà. Siamo disponibili a qualsiasi richiesta, a voi chiediamo solo di essere responsabili e rigorosi. Quando uscirete da queste aule, dopo la laurea, dovrete avere gli strumenti per migliorare la nostra e la vostra vita”. 
A soffermarsi sulle novità che attengono la Laurea Magistrale in Giurisprudenza la prof.ssa Lucia Picardi, Coordinatrice del Corso: “La scelta di innovare il Corso di Laurea è nata dalla consapevolezza che fosse diventato poco appetibile sul mercato del lavoro. Si è così pensato di introdurre dei percorsi specialistici a scelta, suddivisi in tre semestri a partire dal IV anno”. Vari gli indirizzi: “Alcuni sono legati alla tradizione culturale del Dipartimento, come quello forense per chi volesse diventare magistrato o notaio”; altri formano “esperti in diritto marittimo, funzionari della Pubblica Amministrazione, il giurista d’impresa”. O ancora, alle carriere internazionali e al professionista della tutela del patrimonio culturale. Insomma, “l’offerta è vasta ed è visionabile sulla pagina web del Dipartimento. Per chi non fosse interessato ad alcun profilo c’è la possibilità di un indirizzo statuario: cultura e tradizione”. Altra novità: “La lingua inglese diventa un insegnamento obbligatorio, insieme al laboratorio di scrittura di atti giuridici ed il tirocinio attivo nell’ultimo anno di studi”. Percorso di eccellenza: “Il piano di studio economico, a numero programmato, che consentirà agli studenti di conseguire dopo la laurea in Giurisprudenza, e dopo aver svolto un certo numero di esami integrativi, il doppio titolo di Dottore in Economia”. “Le opportunità di cambiamento - conclude la docente - sono una sfida che dobbiamo cogliere e sfruttare”. 
Il Corso di Laurea Triennale in Scienze dei Servizi Giuridici ha lo scopo, sottolinea il prof. Lorenzo Zoppoli che ne è il Coordinatore: “di dare ai ragazzi la possibilità di acquisire conoscenze e competenze per immettersi presto nel mondo del lavoro. Solo con la Laurea Magistrale, però, si può diventare avvocato, magistrato o notaio. Noi siamo benzina nuova per una macchina già potente. Siamo una chance con caratteristiche precise”. A numero programmato con 200 ingressi l’anno, il percorso “assomiglia molto, al primo anno, alla quinquennale, anche se il carico didattico è meno impegnativo. Gli anni successivi saranno fortemente caratterizzati”. Tre i profili professionalizzanti: “Consulente del lavoro (100 iscritti) permette dopo 18 mesi di tirocinio e l’esame di Stato di iscriversi all’albo, si lavora nella gestione dei rapporti di lavoro a cura delle imprese; Giurista d’impresa e delle organizzazioni pubbliche (50 nuove matricole) è diretto a coloro che vogliano sostenere concorsi nella pubblica amministrazione o lavorare in banca o in aziende; Giurista del terzo settore (50 iscritti) si rivolge a quanti amano lavorare in organizzazioni non profit o di interesse sociale dove sia richiesta la competenza di un giurista”. Gli esami e le discipline “saranno tarati su queste competenze, il numero è stato programmato accogliendo le richieste occupazionali di associazioni, aziende e sindacati che operano sul nostro territorio”. Il Corso ha attirato l’interesse di 257 studenti pre-iscritti, 60 coloro che hanno già perfezionato l’immatricolazione, “i termini di iscrizione su nostra richiesta sono stati prorogati”. 
La parola va alla rappresentanza studentesca con l’intervento di Luca Cavalli: “La rappresentanza studentesca, espressione delle diverse associazioni, è stata sempre al fianco del Dipartimento nei mesi di gestazione della riforma. L’innovazione era necessaria ed è stata accolta con grande gioia. Per qualsiasi necessità le matricole non devono avere dubbi: chiedete ai professori, oppure a noi, siamo sempre disponibili”. Un’importante novità introdotta dal prof. Staiano: “il pre-Consiglio dove i rappresentanti incontrano il Direttore per avanzare proposte prima del Consiglio di Dipartimento vero e proprio”. 
Conclude l’incontro la prof.ssa Valeria Marzocco, moderatrice della manifestazione e responsabile della Commissione Orientamento: “Ricordo lo sportello orientamento che ha funzionato tutta l’estate e che continua a funzionare sul canale Teams. Chiunque avesse ancora dubbi sull’offerta formativa può contattarci, le domande che magari oggi non sono sorte, ma che potrebbero sopraggiungere, avranno risposta sulla nostra piattaforma”.
 
Scarica gratis il nuovo numero di Ateneapoli su www.ateneapoli.it



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!