Attendere prego...

News Federico II


Primo giorno del secondo semestre: la prova del fuoco per il nuovo regolamento

La rabbia degli studenti tartassati e storditi da ore e ore di lezione

 News pubblicata il 09/03/2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

La pioggia battente di lunedì 5 marzo sembra rispecchi lo stato d’animo di Giurisprudenza: sono iniziati i corsi del secondo semestre e gli studenti appaiono sconfortati. Pochi i sorrisi fra colleghi ritrovati, nelle aule si parla degli esami deludenti, delle ore gravose di lezione che si dovranno sopportare, della fatica di trovare il tempo di studiare per vecchi e nuovi esami. Maggio è vicino. C’è tensione, stanchezza e molta rabbia, gli studenti non avrebbero mai voluto iniziare il nuovo semestre con questi sentimenti.  “Sono a lezione per semplice curiosità - dice Sabatino Palumbo, studente al I anno - La mia giornata è iniziata alle 8.30 e terminerà alle 17.30, sarò in Dipartimento nove ore, un bel banco di prova. Innanzitutto devo testare se, una volta tornato a casa, sono pronto a ripetere. Poi, voglio anche capire se le spiegazioni apprese verso le 16.00, quando la stanchezza impera, mi serviranno veramente a qualcosa”. “Sono indietro con gli esami - racconta Viola Pontiroli, al I anno - Ho dato un solo esame durante la sessione che si è appena conclusa. Si corre perché gli appelli sono pochi, si corre per completare il programma a maggio, ma qualcuno ha mai pensato a cosa serve a noi studenti? Rischio di diventare una fuoricorso dopo 6 mesi all’università. Due domande come parte organizzativa me le porrei”. 
La rabbia sprizza da tutti i pori. “Hanno rovinato il semestre - afferma Mariella Garofalo, secondo anno - Riducendo la sessione straordinaria di esami...
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dal 9 marzo (n. 4/2018)
o in versione digitale all'indirizzo: http://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!