Attendere prego...

News Federico II


Al voto l'11 dicembre. Intenso dibattito nell'assemblea elettorale indetta dal decano Barbagallo

Lomonaco o Massimilla? Il Dipartimento di Studi Umanistici sceglie il nuovo Direttore

 News pubblicata il 05/12/2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Qualche certezza, moltissime incognite. È certo che l’11 dicembre i membri del Dipartimento di Studi Umanistici della Federico II si ritroveranno nella sala De Falco per votare il successore del Direttore dimissionario e neo Pro Rettore Arturo De Vivo. È certo che i candidati sono due visto che, dopo l’assemblea del 20 novembre indetta dal decano Francesco Barbagallo per ufficializzare elezioni e candidature, nessun altro si è fatto avanti. È certo, almeno a sentire i tanti docenti presenti quel giorno nell’aula A1 di via Marina, che chi, tra il prof. Fabrizio Lomonaco e il prof. Edoardo Massimilla, dovesse raccogliere il maggior numero di consensi, si ritroverà tra le mani una brutta gatta da pelare. Tutto è rimesso al giudizio dei votanti. Gli “indecisi”, nel frattempo, hanno avuto modo di schiarirsi le idee nel corso di quello che il prof. Barbagallo, moderatore della giornata, ha definito un “confronto leale tra due professori provenienti dallo stesso Dipartimento”. L’opera di convincimento del prof. Lomonaco è partita da due parole chiave: unità, perché “chi riuscirà ad essere eletto col vostro consenso si troverà in una marea di difficoltà. Per questo avrà bisogno della massima coesione possibile, mettendo da parte le umane idiosincrasie”, e governance, necessaria in un contesto in cui “le sezioni - le unità organizzative in cui si articola il Dipartimento - hanno determinato dei conflitti”. Confronto scuola-università, rapporto con gli studenti e ridefinizione dei programmi di studio le altre priorità di un programma che intende puntare “sul nesso didattica-ricerca”. Collaborare è il diktat del prof. Massimilla, per il quale “la richiesta di un dialogo operoso va accettata senza tergiversare, in maniera seria e responsabile, rifuggendo alle tentazioni della rassegnata subalternità e del vittimismo reattivo”. L’appello è rivolto a chi...
 
Articolo pubblicato sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola (n. 20/2014)
o in versione digitale all'indirizzo: http://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!