Attendere prego...

News Federico II


Piace il calendario didattico agli studenti di Farmacia

Ritorno in aula conciliabile con lo studio individuale

 News pubblicata il 10/03/2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA
“Sono abbastanza soddisfatto degli esami, soprattutto perché gli appelli erano troppo ravvicinati. Credo sia dovuto a un problema di aule, poche per tutte le attività accademiche del Dipartimento. Adesso, grazie al nuovo edificio, il problema dovrebbe essere risolto. Questa, almeno, è la nostra speranza”. La sessione d’esame è appena alle spalle. Il bilancio di Alessio Vito, al quarto anno di Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, parla di “un 30 in Metodi spettroscopici e un 28 in Patologia”. Un buon modo per ripartire con il lavoro in aula: “l’orario delle lezioni è ottimo. Non iniziamo mai alle 9 del mattino. È positivo soprattutto per chi, come me, è pendolare e ha la possibilità di riposare un poco in più. Il mio obiettivo per il secondo semestre è seguire tutti i corsi e i laboratori”. Ha raggiunto buoni risultati a gennaio e febbraio una sua collega, Laura: “avevo Chimica Farmaceutica e Tossicologia II da sostenere. È un esame tosto che richiede tanta memoria. Mi ha impegnata per tutta la sessione. L’ho passato al secondo appello. Sono contenta”. Sul calendario: “seguiamo soltanto tre giorni a settimana, dalle 11 alle 15. È fattibile e credo che mi permetterà anche di recuperare qualche esame arretrato”. Pazienza che l’inizio dei corsi sia così vicino alla fine degli esami. Francesca, al terzo anno di CTF, afferma: “non importa che siano ravvicinati. Mi basta una sola...
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dal 10 marzo (n.4/2017)
o in versione digitale all'indirizzo: http://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!