Attendere prego...

News Federico II


Scuola Politecnica e delle Scienze di Base

Verso l'elezione del nuovo Presidente

Promosso l'operato di Salatino dal Collegio di Ingegneria. Si va verso una candidatura unitaria

 News pubblicata il 25/11/2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Dopo sei anni di intenso lavoro si sta per chiudere il secondo mandato del prof. Piero Salatino alla guida della Scuola Politecnica e delle Scienze di Base della Federico II. Lascia la Scuola, nata proprio con la sua presidenza, in ottima forma ma sono numerose le sfide per chi lo seguirà. Ancora non sono state indette le elezioni per nominare il successore, ma già dei ‘rumors’ circolano nei corridoi delle sedi degli 11 Dipartimenti che afferiscono alla Scuola. Una candidatura unitaria è quello che si augurano in molti e voci non ufficiali parlano di un nome emerso dall’area di Scienze, di una personalità che abbia volontà e competenze per caricarsi dell’onere, nell’ottica di una  rotazione tra le varie anime della Scuola. 
Abbiamo raccolto dei commenti di alcuni Direttori di Dipartimento e Presidenti di Corso di Studio del Collegio di Ingegneria per raccontare quali sono gli umori e cosa ci si aspetta dalla nuova governance.
È generale la soddisfazione per il lavoro svolto dal prof. Salatino il quale, come ricorda il prof. Maurizio Giugni, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Civile, “ha saputo riempire di contenuti e funzioni una scatola vuota. Ora, senza la Scuola, ci troveremmo in difficoltà nell’organizzazione della didattica. Tengo ad esprimere la mia gratitudine a Piero Salatino che ha svolto un lavoro egregio. È riuscito non solo a dare funzioni alla Scuola, ma ha creato sinergie, una trasversalità tra gli 11 Dipartimenti che la compongono e che prima non c’era”.
“La Scuola è riuscita a creare uno spazio comune di confronto tra i vari Dipartimenti - commenta anche la prof.ssa Rita Mastrullo, Direttore del Dipartimento di Ingegneria Industriale - lasciando però intatte le specificità di ognuno, specificità che sono anche numeriche, di dimensioni, e ha mantenuto la stessa sensibilità verso tutte le problematiche intestine trovando e creando un’agorà di confronto, una cornice di riferimento valida per tutti. Lavoro tanto più meritevole perché il Presidente Salatino partiva da zero”.
Di cooperazione e confronto parla anche il prof. Andrea Prota, Direttore del Dipartimento di Strutture per l’Ingegneria: “È stato un lavoro egregio quello svolto dal prof. Salatino che ha creato...
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dal 22 novembre (n. 18/2019)
o in versione digitale all'indirizzo: http://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!