Attendere prego...

Fra' Diavolo a cura di Armando Carravetta


Alici, ciucciuettole e quaquaraquà

 News pubblicata il 05/11/2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA
C’è apprensione tra i docenti, ma anche nell’opinione pubblica, sull’effetto che avranno i nuovi criteri di distribuzione delle risorse sulle università campane chiaramente penalizzate, sulla tendenza dei media a stilare classifiche tra gli Atenei nelle quali siamo puntualmente in coda, sulle possibilità di essere degradati a Atenei di tipo B, sugli effetti delle innumerevoli forme di valutazione cui sono sottoposti Corsi di Laurea, Dottorati e Dipartimenti, tutti sempre minacciati di chiudere i battenti.
Questa meraviglia di tante alici sorprende quei pochi che per anni sono stati ritenuti degli allarmisti, o, ancor peggio, delle ciucciuettole. Quale era il motivo dell’allarme? L’idea che si potesse valutare un Ateneo indipendentemente dal contesto in cui opera e che bastasse poi distribuire le risorse in base al merito per sanare tutti i mali, veri e presunti, dell’università. Ora che gli effetti di questo furore valutativo si fanno sentire, determinando tagli nell’offerta formativa e nella quota di finanziamento, si comprende la follia di questa idea.
Paradossalmente sarebbe proprio nelle regioni, nelle aree e nei settori in maggiori difficoltà che occorrerebbe investire le (poche) risorse disponibili! Infatti, non può vivere a lungo un corpo in cui siano spinte a svilupparsi le sole parti vigorose, mentre si lasciano atrofizzare le rimanenti. Viene così rovesciato l’apologo di Menenio Agrippa che la storia ricorda come esempio di saggezza.
Dopo le alici e le ciucciuettole, resta una ultima categoria, la peggiore, quella dei quaquaraquà. Sono quelli che, stracciandosi le vesti, si mascherano dietro un “avevamo tanti dubbi!” o un “ce ne sarebbero di cose da dire...”, ma che costantemente applicano come principio di vita quel “mors tua vita mea” che rappresenta il fallimento della solidarietà e che si afferma come modello in questo nuovo Medioevo.
 



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!