Attendere prego...

News L. Vanvitelli


Al Dilbec si coltiva il 'bisogno della poesia'

 News pubblicata il 20/04/2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA
“Ho bisogno di poesia, questa magia che brucia la pesantezza delle parole, che risveglia le emozioni e dà colori nuovi”, lo scriveva Alda Merini, simbolo di un’intera stagione poetica, la cui vita è stata un inno alla scrittura e alle parole. “Sono nata il 21, a Primavera”, sottolineava in una delle sue opere, e nel 1999 l’Unesco ha deciso che proprio nel medesimo giorno cadesse la Giornata mondiale della Poesia. Diciotto anni dopo, però, qualcosa è cambiato. Se ne è discusso al Dipartimento di Lettere e Beni Culturali (Dilbec) il 27 marzo, insieme alla docente di Letteratura italiana contemporanea Elena Porciani, ai ragazzi di Interpoesia e all’autrice Anna Ruotolo. “Si cresce senza coltivare il bisogno della poesia – afferma la prof.ssa Porciani – Non si è abituati alla lettura di un testo poetico. Lo si fa per la prima volta fra i banchi di scuola con la lettura di Dante Alighieri, Francesco Petrarca, sino ad arrivare a Ugo Foscolo. Autori che vengono sentiti come distanti dagli alunni. Un limite della scuola e della nostra società”. Come viene soddisfatto allora il ‘bisogno’ di poesia? “Molto spesso con le canzoni – spiega la docente – Si pensi alle citazioni. Più raramente dedichiamo o citiamo parti di una poesia rispetto alla canzone”. Poi si cresce, si cambia. Cambiano i gusti letterari, le passioni, gli interessi. E arriva anche la necessità di cui parlava la Merini. “Inizialmente anche io, nel mio percorso di studi, mi sono dedicata soprattutto alla prosa per poi dirigermi verso il cinema. Fino a quando ho maturato il ‘bisogno’ di leggere poesia. Un lavoro, inteso come costruzione della parola, che è diventato un piacere. La poesia si offre a noi nella sua nudità e noi dobbiamo darle vita, apprezzando e comprendendo la sua composizione verbale”. Poi la docente...
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dal 20 aprile (n. 6/2018)
o in versione digitale all'indirizzo: http://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!