Attendere prego...

News L. Vanvitelli


Dipartimento di Lettere: studenti universitari e liceali coinvolti nel progetto Archeo-glossia

Alla scoperta delle antiche popolazioni campane

 News pubblicata il 17/12/2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Alla scoperta delle antiche popolazioni che abitavano la Campania in epoca preromana, con ‘Archeo-glossia: lingue, scritture e storie di popoli della Campania antica’, una serie di incontri che si terranno presso il Dipartimento di Lettere e Beni Culturali e presso il Museo Provinciale Campano di Capua. Il progetto, inserito nei Piani di Orientamento e Tutorato (POT) promossi dal Miur, prevede la partecipazione di studenti del Corso Triennale in Conservazione dei Beni Culturali e di un centinaio di studenti dei licei ‘Amaldi-C. Nevio’ di Santa Maria Capua Vetere, ‘L. Garofano’ di Capua e ‘Galileo Galilei’ di Mondragone. Organizzatori e referenti del progetto didattico-scientifico sono il prof. Carlo Rescigno e la dott.ssa Cristina Pepe, che guideranno gli studenti attraverso questo viaggio nel passato, in una serie di incontri. Durante il primo, che si è tenuto lo scorso 29 novembre presso il Dipartimento di Lettere, gli studenti hanno seguito una lectio magistralis sulle lingue antiche della Campania, tenuta dal prof. Paolo Poccetti, linguista nell’ambito dei popoli antichi e docente presso l’Università Tor Vergata di Roma. L’attività si concluderà in primavera con una mostra sulle attività laboratoriali condotte dagli studenti sulla copiosa collezione conservata, appunto, presso l’installazione museale di Capua. “Il progetto, di una durata complessiva di trenta ore, quindi sette o otto incontri, parte dai Piani di orientamento e Tutorato del Miur di cui è capofila l’Università di Fisciano, quindi Salerno. Noi siamo orgogliosi di partecipare come Dipartimento, perché è un’occasione per mettere in gioco le nostre competenze”, spiega la dott.ssa Pepe.
L’iniziativa è volta alla scoperta del patrimonio artistico locale e alla sua tutela, ma con un importante ruolo anche per quello che concerne la Terza Missione, vale a dire il rapporto dell’Ateneo con il territorio e il suo patrimonio. L’importanza dell’attività è palesata anche, naturalmente, dal coinvolgimento degli studenti dei licei, veri stakeholders del progetto che, grazie a questo, potranno scegliere se affrontare un percorso universitario volto alla conservazione dei beni culturali. “Il nostro territorio è disseminato di tracce dell’antichità, va da sé che uno studente in questo settore debba affacciarsi a una realtà che fa parte del proprio retaggio. Le lingue che si affronteranno principalmente sono...
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dal 10 dicembre (n. 19/2019)
o in versione digitale all'indirizzo: http://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!