Attendere prego...

News L'Orientale


Autunno shakespeariano, Galleria Toledo apre le porte agli studenti

 News pubblicata il 10/11/2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Tocca il diapason dell’entusiasmo il nuovo progetto che coinvolge un gruppo di studenti di Lingue, Letterature e Culture dell’Europa e delle Americhe. ‘Autunno Shakespeare’, l’insegna di questo profondo viaggio attraverso i protagonisti e le opere che hanno segnato le stagioni del teatro elisabettiano. Molteplici e diversificate le attività previste dal programma del seminario che confluiscono tutte in una location d’eccezione: il Teatro Galleria Toledo. Proiezioni di film e incontri di lettura drammatizzata vis-à-vis con professionisti del settore. Questo il quadro composito dell’iniziativa partita verso la fine del mese di ottobre e che si riflette nella collaborazione affiatata tra le sue artefici, la prof.ssa Simonetta De Filippis, docente di Letteratura Inglese, insieme a Laura Angiulli, direttore artistico del Teatro Stabile d’Innovazione di Napoli nonché docente all’Accademia di Belle Arti. “Una collaborazione che dura da diversi anni, rinfocolata dalla passione per un nome comune: Shakespeare. Da sempre conservo la buona abitudine di portare i miei studenti a teatro e organizzare seminari dopo una rappresentazione. Ma stavolta si tratta di un progetto più articolato”, sottolinea l’anglista. Parallelamente, la vera anima del workshop, la regista Angiulli si pregia di un’esperienza pluriennale di frequentazioni e variazioni shakespeariane nei suoi allestimenti. In armonia con la terza missione dell’Università, l’obiettivo precipuo è “avvicinare i ragazzi già a partire dalla scuola al mondo della cultura e farli appassionare al teatro. Spesso succede che non ne sappiano assolutamente nulla, eppure hanno una voglia pazzesca di lasciarsi travolgere con stupore”. Una diramazione importante quella sul territorio per ampliare lo sguardo teso all’unica protagonista del ciclo di appuntamenti che si estenderanno fino a marzo: l’arte. E, in particolare, l’opera omnia del Bardo per eccellenza, presa a pretesto per esplorare l’universo simbolico e polisemantico quale è il teatro. Una missione educativa che si propone, inoltre, il fine di colmare gravi lacune. “Accade  che i giovani non abbiano alcuna esperienza di teatro nella loro vita. Invece, è importante...
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola da venerdì 11 novembre (n.18/2016)
o in versione digitale all'indirizzo: http://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!