Attendere prego...

News L'Orientale


L'Orientale è l'unico Ateneo in Italia dove si insegna la lingua hausa, "una porta sull'Africa occidentale"

 News pubblicata il 08/03/2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Patrimonio inestimabile dell’Università è una plurisecolare tradizione d’insegnamento nel campo delle lingue africane. Swahili, berbero, amarico, somalo e hausa: “si tratta dell’unico pacchetto formativo che comprende sia l’Africa settentrionale, arabofona e non, che l’Africa sub-sahariana occidentale e orientale”, esordisce il prof. Gian Claudio Batic, docente di Lingua e Letteratura Hausa. Discipline che costituiscono un notevole valore aggiunto nel quadro didattico predisposto dal Dipartimento Asia, Africa e Mediterraneo. Non tutti sanno, infatti, che L’Orientale è “l’unico Ateneo italiano ad offrire un corso di hausa, Triennale e Magistrale”. Che tipo di lingua è? “Appartiene alla famiglia ciadica, del cui gruppo fanno parte circa 170 lingue distribuite tra Nigeria, Niger, Camerun e Chad. È una lingua veicolare di enorme importanza economico-culturale e conta più di 70 milioni di parlanti”. Ragione per cui “ne consideriamo l’insegnamento come una porta sull’Africa occidentale, uno strumento messo nelle mani degli studenti per capire, amare, esplorare, ricercare e orientarsi nelle complesse e magnetiche realtà di questa parte del continente”, continua il docente, responsabile peraltro anche di Linguistica ciadica. Quest’ultimo “un corso pressoché unico al mondo e che deriva da una lunga tradizione di studi. Sono, perciò, molto contento che il Dipartimento abbia coraggiosamente manifestato l’intenzione di proteggerlo”.
La novità. Un corso introduttivo al Fula
Partirà, in particolare, durante il mese di marzo un nuovo corso introduttivo alla Lingua Fula, termine che “indica la lingua parlata dai Fulani, un gruppo etnolinguistico presente lungo tutta la fascia saheliana dalla regione del Senegambia, nell’estremo occidente del continente africano, fino al Sudan”. Al fine di fornire le chiavi di accesso all’apprendimento della lingua, l’attività (articolata in un ciclo di sei lezioni) è contraddistinta dalla forte componente laboratoriale ed “è aperta a tutti agli studenti di africanistica dotati di curiosità e senso della scoperta”. Il Laboratorio di Fula sarà incentrato, in particolare, “su due delle varietà più importanti...
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dall'8 marzo (n. 4/2019)
o in versione digitale all'indirizzo: http://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!