Attendere prego...

News Parthenope


La parola al prof. Giunta, Presidente della Scuola delle Scienze, dell'Ingegneria e della Salute

Biologia Applicata e Media Education: le Magistrali in cantiere

 News pubblicata il 27/01/2020
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Nuovi Corsi di Laurea, miglioramento ed allargamento degli spazi, coinvolgimento degli studenti. Sono tre delle direttrici che impegneranno nel prossimo triennio il prof. Giulio Giunta, a dicembre eletto Presidente della Scuola interdipartimentale delle Scienze, dell’Ingegneria e della Salute alla quale afferiscono i Dipartimenti di Ingegneria, Scienze e Tecnologie, Scienze Motorie e del Benessere. Ordinario di Calcolo scientifico, proviene dall’area della Matematica e dell’Informatica. Proprio Giunta è stato tra i docenti che si sono maggiormente spesi, nei mesi scorsi, affinché prendesse corpo la Scuola, che inizialmente era valutata con una certa diffidenza da alcuni dei settori che ora ne fanno parte. “Fin dall’inizio - racconta - ho cercato di creare le condizioni perché la Scuola nascesse. Non era facilissima l’aggregazione di tre Dipartimenti. Ci stava sì un legame forte tra il mio Dipartimento - Scienze e Tecnologie - ed Ingegneria, ma abbiamo dovuto esercitare un’azione di coinvolgimento verso i colleghi di Scienze Motorie. Quando poi la Scuola si è costituita con l’adesione unanime dei colleghi è parso naturale che ricoprissi io il ruolo di Presidente. Sarà solo per un triennio, peraltro, terminato il quale non mi riproporrò per due motivi. Il primo: garantire spazio anche agli altri Dipartimenti. Il secondo: non sarei ricandidabile perché troppo vicino alla pensione”. Ritorna all’attualità: “Adesso c’è da fare quello che lo Statuto affida alle Scuole. Essenzialmente promuovere, coordinare e razionalizzare i vari Corsi di studio che vi afferiscono. La Scuola nello Statuto di Ateneo ha finalità essenzialmente di carattere didattico ma è chiaro che si troverà a svolgere un ruolo, insieme ad altre strutture, anche nella ricerca e nella Terza Missione. È naturale perché è un’aggregazione di tre Dipartimenti, sette Corsi di Studio di primo livello ed uno professionalizzante, sette Corsi di Laurea Magistrale più due che dovrebbero partire nel prossimo anno accademico. Siamo in 160 docenti. Costituirà dunque anche un insieme interdipartimentale di gruppi di ricerca. Quest’ultima si svolge nell’ambito dei Dipartimenti. Poiché, però, i Direttori dei Dipartimenti fanno parte della Scuola, è naturale che...
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dal 24 gennaio (n. 1/2020)
o in versione digitale all'indirizzo: http://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!