Attendere prego...

News Parthenope


Massimo Marchiori, professore a Padova di Computer Scienze, ospite di TeleComunicando, ciclo di incontri per gli studenti delle superiori

I segreti di Facebook svelati da uno scienziato

 News pubblicata il 30/03/2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA
“C’era una volta un mondo oscuro, dove Internet non esisteva e l’unico modo per comunicare era la voce. Poi arrivò Internet e prese il potere il gran signore del Web: sir Google. Il suo dominio era assoluto, finché non arrivò un umile scudiero, il faccialibro, che in breve tempo sconfisse tutti i potenti, diventando re”. È con una storiella che Massimo Marchiori, professore di Computer Science dell’Università di Padova, scienziato di fama internazionale, introduce l’incontro del 20 marzo in Aula Magna della sede del Centro Direzionale della Parthenope: ‘Tecnopotter e il segreto del Faccialibro’, al cospetto degli studenti delle Scuole Superiori, nell’ambito del percorso formativo ‘TeleComunicando’. “La tecnologia delle informazioni ha generato un’evoluzione tecnica e culturale che ha letteralmente cambiato le nostre abitudini”, presenta il prof. Maurizio Migliaccio, organizzatore dell’incontro. “Abbiamo visto oggi l’eclissi. Nei tempi antichi, quando accadevano questi fenomeni che non si comprendevano, si parlava di magia. Anche il boom tecnologico degli ultimi anni può essere paragonato a  qualcosa di magico?”, pone la domanda ai ragazzi e, con una serie di slide chiare ed efficaci, mostra i risultati di alcune ricerche sulle nuove tecnologie: “perché la scienza deve divertire, non annoiare”, commenta. “Google ha dominato la scena su Internet incontrastato, finché non è giunto facebook, che inizialmente ha suscitato riso e prese in giro da parte di giornalisti ed esperti nel campo delle tecnologie, in quanto social poco sofisticato. Dopodiché nel 2010 sorpassa Google, tanto che oggi il 53% del tempo della popolazione è impiegato sul famoso social network, solo il 12% viene dedicato a Google”. Come è possibile? “Se chiedi agli intervistati, rispondono che facebook non è altro che una perdita di tempo, ma anche una droga. Gli indizi del sorpasso c’erano già nel 2002, quando le persone hanno alterato la percezione dell’informazione, tanto che, cercando Lord Byron, poeta inglese, su Internet compariva l’arbitro tanto odiato della partita Italia-Corea Byron Moreno al suo posto”. La pulsione sociale quindi diventa...
 
Articolo pubblicato sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola (n. 5/2015)
o in versione digitale all'indirizzo: http://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!