Attendere prego...

News


Un unico Corso di Laurea Triennale in Biologia dal prossimo anno

Le lezioni si svolgeranno in due sedi: a Monte Sant'Angelo e nel centro storico. Saranno gli studenti ad indicare la loro preferenza

 News pubblicata il 09/03/2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Biologia cambia veste in previsione del prossimo anno accademico. A settembre chi vorrà intraprendere questo percorso di studi alla Federico II, le matricole, non troverà più due proposte di Laurea Triennale: Biologia generale ed applicata; Scienze biologiche. Nasce, infatti, un unico Corso di Laurea - Biologia - che fonde quelli preesistenti. “Ormai - riferisce la prof.ssa Barbara Majello, che sarà la Coordinatrice del Corso in Biologia - manca solo l’ultimo parere, quello del Ministero. Se non ci saranno clamorose sorprese, sarà positivo e la nuova proposta didattica triennale potrà partire sin dall’autunno. Nel frattempo, ci stiamo già attrezzando per farla conoscere agli studenti delle scuole superiori. Ne abbiamo dato notizia sul sito del Dipartimento e su facebook. Ne abbiamo parlato anche in occasione della giornata di presentazione - Porte Aperte - che si è svolta alcune settimane fa. Mano a mano che ci saranno ulteriori notizie le caricheremo sul sito e su facebook”. 
Cosa cambia, dunque, dal prossimo anno accademico? Risponde la docente: “Il Corso Triennale in Biologia sarà unico. Le lezioni si svolgeranno in due sedi, quella del centro storico e quella di Monte Sant’Angelo. Al momento dell’immatricolazione gli studenti indicheranno la loro preferenza relativamente alla sede. Naturalmente, se ci saranno evidenti sproporzioni tra il numero degli studenti che indicheranno l’una o l’altra, bisognerà immaginare un meccanismo di riequilibrio, qualcosa che ci permetta di distribuire i nuovi iscritti in maniera equilibrata tra Monte Sant’Angelo ed il centro storico. I percorsi didattici saranno identici per chi frequenterà in via Cinthia e per chi seguirà le lezioni a Mezzocannone”.
Resta, almeno per ora, l’accesso a numero programmato attraverso un test. Dovrebbero essere ammessi al primo anno circa un migliaio di studenti. Eventuali mutamenti rispetto ai meccanismi di accesso - c’è una ipotesi di liberalizzare le immatricolazioni e di eliminare il numero programmato, ma allo stato è assolutamente prematuro darla per acquisita - saranno comunicate nei prossimi mesi, con le medesime modalità indicate dalla professoressa Majello: sito internet del Dipartimento e pagina facebook. 
Nel merito della proposta didattica, la docente anticipa alcuni particolari: “È stata effettuata...
 
L'articolo continua sul nuovo numero di Ateneapoli in edicola dal 9 marzo (n. 4/2018)
o in versione digitale all'indirizzo: http://www.ateneapoli.it/archivio-giornale/ateneapoli
 



Registrati alla Newsletter

Registrati alla nostra newsletter e riceverai le ultime news direttamente nella tua casella!